Device Health Services sbarca sul Play Store dando continuità alla recente filosofia Google

Tra i modi più efficaci adottati per garantire piena funzionalità ad un dispositivo c’è quello di “smembrarne” i vari aspetti e trasformarli in un’app L’articolo Device Health Services sbarca sul Play Store dando continuità alla recente filosofia Google è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Tra i modi più efficaci adottati per garantire piena funzionalità ad un dispositivo c’è quello di “smembrarne” i vari aspetti e trasformarli in un’app L’articolo Device Health Services sbarca sul Play Store dando continuità alla recente filosofia Google è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android. Fonte

LEMFO LEM5: un super smartwatch in offerta ad 86,97 euro sullo store di Cafago

LEMFO LEM5: un super smartwatch in offerta ad 86,97 euro sullo store di Cafago Cafago lancia una nuova interessantissima offerta, relativa allo smartwatch LEMFO KEM5 con connessione 3G, compatibile sia con Android che iOS. Ottime prestazioni a basso costo Se siete alla ricerca di uno smartwatch per leggere le vostre notifiche, ascoltare la musica, che abbia uno stile elegante e che possa accompagnarvi nella vita di tutti i giorni, questo è il prodotto giusto. Queste sono le caratteristiche principali: Cinturino in puro cuoio, cassa in acciaio inossidabile, ottima qualità dei materiali  Processore MTK6580, Quad Core 1.3GHZ, per un’elaborazione dei dati ancora più rapida ROM 8G + RAM 1G, per caricare tutto quello che si desidera Schermo OLED da 1.39 pollici, con risoluzione 400 x 400 pixel Slot per schede Nano SIM, supporto 2G GSM e 3G WCDMA A bordo troviamo Android 5.1, con connessione Bluetooth 4.0 batteria da 450mAh, fino a 100 ore di standby App scaricabili sia dal Google Play Store che da Android Market Compatibile con i dispositivi Apple, con versione IOS 8.0 e successiva o Android 4.4 e superiore  Altre funzionalità: Wifi, Frequenza cardiaca, GPS, Pedometro, Calorie, Barometro, Browser, Ricerca vocale, trova il mio orologio, riproduttore audio, registratore audio, ora, allarme, Contatto d’emergenza, impostazioni, Musica, BT4.0, Notifiche, supporto ad oltre 20 lingue. Per chi fosse interessato all’acquisto e volesse avere maggiori informazioni, può collegarsi allo store di Cafago, tramite questo link. Fino al 30 Ottobre è possibile acquistarlo a soli 86.97 euro, inserendo questo codice sconto:OCJ1980. LEMFO LEM5: un super smartwatch in offerta ad 86,97 euro sullo store di Cafago Tecnoandroid

LEMFO LEM5: un super smartwatch in offerta ad 86,97 euro sullo store di Cafago Cafago lancia una nuova interessantissima offerta, relativa allo smartwatch LEMFO KEM5 con connessione 3G, compatibile sia con Android che iOS. Ottime prestazioni a basso costo Se siete alla ricerca di uno smartwatch per leggere le vostre notifiche, ascoltare la musica, che abbia uno stile elegante e che possa accompagnarvi nella vita di tutti i giorni, questo è il prodotto giusto. Queste sono le caratteristiche principali: Cinturino in puro cuoio, cassa in acciaio inossidabile, ottima qualità dei materiali  Processore MTK6580, Quad Core 1.3GHZ, per un’elaborazione dei dati ancora più rapida ROM 8G + RAM 1G, per caricare tutto quello che si desidera Schermo OLED da 1.39 pollici, con risoluzione 400 x 400 pixel Slot per schede Nano SIM, supporto 2G GSM e 3G WCDMA A bordo troviamo Android 5.1, con connessione Bluetooth 4.0 batteria da 450mAh, fino a 100 ore di standby App scaricabili sia dal Google Play Store che da Android Market Compatibile con i dispositivi Apple, con versione IOS 8.0 e successiva o Android 4.4 e superiore  Altre funzionalità: Wifi, Frequenza cardiaca, GPS, Pedometro, Calorie, Barometro, Browser, Ricerca vocale, trova il mio orologio, riproduttore audio, registratore audio, ora, allarme, Contatto d’emergenza, impostazioni, Musica, BT4.0, Notifiche, supporto ad oltre 20 lingue. Per chi fosse interessato all’acquisto e volesse avere maggiori informazioni, può collegarsi allo store di Cafago, tramite questo link. Fino al 30 Ottobre è possibile acquistarlo a soli 86.97 euro, inserendo questo codice sconto:OCJ1980. LEMFO LEM5: un super smartwatch in offerta ad 86,97 euro sullo store di Cafago Vai alla Fonte

SJCam: in arrivo la nuova SJ8, pronta a sfidare la GoPro Hero 6

SJCam: in arrivo la nuova SJ8, pronta a sfidare la GoPro Hero 6 La scorsa settimana, abbiamo assistito al lancio ufficiale della GoPro Hero 6, ma se siete alla ricerca di una telecamera compatta e perfetta per le vostre riprese in qualsiasi situazione, l’ultima SJCAM SJ8 è la soluzione migliore da prendere in considerazione. La nuova action camera di SJCAM non teme rivali Con il lancio della GoPro Hero 6, Go Pro ha annunciato alcune nuove funzionalità, che vanno da un nuovo chipset sviluppato e migliorato, il GP1, unito all’introduzione della registrazione video in 4K a 60FPS. Nonostante per l’Hero 6 ,chiaramente, parliamo di una telecamera di altissima qualità, è impossibile non pensare al prezzo esageratamente elevato con il quale viene lanciato questo dispositivo, tanto più, quando il mercato offre soluzioni simili ma nettamente più economiche, come l’ultima nata in casa SJCAM. Di certo il lancio ufficiale della nuova GoPro Hero 6 ha suscitato un nuovo interesse verso questo settore, se siete, dunque, alla ricerca di un’ action camera di ultima generazione, non possiamo non consigliarvi la SJCAM SJ8. Proprio come per la GoPro Hero 6, l’SJCAM SJ8 può vantare la registrazione video in 4K a 60FPS ed inoltre presenta altre caratteristiche molto interessanti, tra cui un grande schermo da 2.33 pollici touch, RAM image support, registrazione in slow-motion, supporto per lo streaming in diretta e perfino il controllo vocale. La fotocamera presenta dimensioni 70 x 40 x 30mm, per un peso di 70g, è certificata IP68, può vantare una batteria da 1000mAh e può essere caricata tramite USB Tipo C. Come per le precedenti Action Cam realizzate dall’azienda, l’SJ8 potrà essere acquistata online sul sito ufficiale ad un prezzo vantaggioso, circa 368 euro. SJCam: in arrivo la nuova SJ8, pronta a sfidare la GoPro Hero 6 Tecnoandroid

SJCam: in arrivo la nuova SJ8, pronta a sfidare la GoPro Hero 6 La scorsa settimana, abbiamo assistito al lancio ufficiale della GoPro Hero 6, ma se siete alla ricerca di una telecamera compatta e perfetta per le vostre riprese in qualsiasi situazione, l’ultima SJCAM SJ8 è la soluzione migliore da prendere in considerazione. La nuova action camera di SJCAM non teme rivali Con il lancio della GoPro Hero 6, Go Pro ha annunciato alcune nuove funzionalità, che vanno da un nuovo chipset sviluppato e migliorato, il GP1, unito all’introduzione della registrazione video in 4K a 60FPS. Nonostante per l’Hero 6 ,chiaramente, parliamo di una telecamera di altissima qualità, è impossibile non pensare al prezzo esageratamente elevato con il quale viene lanciato questo dispositivo, tanto più, quando il mercato offre soluzioni simili ma nettamente più economiche, come l’ultima nata in casa SJCAM. Di certo il lancio ufficiale della nuova GoPro Hero 6 ha suscitato un nuovo interesse verso questo settore, se siete, dunque, alla ricerca di un’ action camera di ultima generazione, non possiamo non consigliarvi la SJCAM SJ8. Proprio come per la GoPro Hero 6, l’SJCAM SJ8 può vantare la registrazione video in 4K a 60FPS ed inoltre presenta altre caratteristiche molto interessanti, tra cui un grande schermo da 2.33 pollici touch, RAM image support, registrazione in slow-motion, supporto per lo streaming in diretta e perfino il controllo vocale. La fotocamera presenta dimensioni 70 x 40 x 30mm, per un peso di 70g, è certificata IP68, può vantare una batteria da 1000mAh e può essere caricata tramite USB Tipo C. Come per le precedenti Action Cam realizzate dall’azienda, l’SJ8 potrà essere acquistata online sul sito ufficiale ad un prezzo vantaggioso, circa 368 euro. SJCam: in arrivo la nuova SJ8, pronta a sfidare la GoPro Hero 6 Vai alla Fonte

Cafago propone le cuffie Wireless bluetooth S6-6 a soli 7,05 euro

Cafago propone le cuffie Wireless bluetooth S6-6 a soli 7,05 euro Siete alla ricerca di un paio di cuffie di buona fattura ma non siete disposti a spendere un’ enormità? Cafago, è lo store, ideale, solo fino al 20 Ottobre sarà possibile acquistare le S6-6 ad un prezzo eccezionale, 7.05 euro. Cuffie con audio in HD ad un costo incredibile Parliamo di un paio di cuffie perfetto per un uso in palestra, in grado di riprodurre la musica in qualità HD. Dispone di una connessione Bluetooth in versione 4.1 ,che consente un facile collegamento con il proprio smartphone. Dispone, inoltre, di un microfono incorporato, che permette di rispondere alle chiamate senza dover tenere in mano il telefono. Grazie all’ottima distribuzione del peso risultano facilissime da indossare, anche per parecchio tempo. Caratteristiche Principali: HD High Quality Sound:Con la più recente tecnologia Bluetooth 4.1 e gli elementi acustici di ultima generazione, è possibile riprodurre suoni di altissima qualità Possibilità di chiamata o risposta al telefono: Supporto per ricevere chiamate in vivavoce durante la riproduzione musicale Tecnologia con notifica vocale delle chiamate in arrivo con qualità eccellente del microfono CVC 6.0 Smart Noise Reduction: connessione perfetta con tutti i dispositivi Bluetooth fino a 30 metri di distanza Durata della batteria prolungata: la nuova e migliorata batteria al polimero di litio consente una perfetta fruizione di musica fino a 4 ore e 120 ore in stand-by con una carica rapida di solo 1 ora Lo stato della batteria della cuffia verrà visualizzato automaticamente sull’icona dello smartphone Supporto Song Switching, per scorrere facilmente da una canzone ad un’altra mentre si fa sport Design comodo e leggero Per scoprire in maniera ancora più dettagliata questo fantastico prodotto e procedere con l’acquisto, potete collegarvi allo store di Cafago ed inserire il seguente codice sconto:OCPAE04 Cafago propone le cuffie Wireless bluetooth S6-6 a soli 7,05 euro Tecnoandroid

Cafago propone le cuffie Wireless bluetooth S6-6 a soli 7,05 euro Siete alla ricerca di un paio di cuffie di buona fattura ma non siete disposti a spendere un’ enormità? Cafago, è lo store, ideale, solo fino al 20 Ottobre sarà possibile acquistare le S6-6 ad un prezzo eccezionale, 7.05 euro. Cuffie con audio in HD ad un costo incredibile Parliamo di un paio di cuffie perfetto per un uso in palestra, in grado di riprodurre la musica in qualità HD. Dispone di una connessione Bluetooth in versione 4.1 ,che consente un facile collegamento con il proprio smartphone. Dispone, inoltre, di un microfono incorporato, che permette di rispondere alle chiamate senza dover tenere in mano il telefono. Grazie all’ottima distribuzione del peso risultano facilissime da indossare, anche per parecchio tempo. Caratteristiche Principali: HD High Quality Sound:Con la più recente tecnologia Bluetooth 4.1 e gli elementi acustici di ultima generazione, è possibile riprodurre suoni di altissima qualità Possibilità di chiamata o risposta al telefono: Supporto per ricevere chiamate in vivavoce durante la riproduzione musicale Tecnologia con notifica vocale delle chiamate in arrivo con qualità eccellente del microfono CVC 6.0 Smart Noise Reduction: connessione perfetta con tutti i dispositivi Bluetooth fino a 30 metri di distanza Durata della batteria prolungata: la nuova e migliorata batteria al polimero di litio consente una perfetta fruizione di musica fino a 4 ore e 120 ore in stand-by con una carica rapida di solo 1 ora Lo stato della batteria della cuffia verrà visualizzato automaticamente sull’icona dello smartphone Supporto Song Switching, per scorrere facilmente da una canzone ad un’altra mentre si fa sport Design comodo e leggero Per scoprire in maniera ancora più dettagliata questo fantastico prodotto e procedere con l’acquisto, potete collegarvi allo store di Cafago ed inserire il seguente codice sconto:OCPAE04 Cafago propone le cuffie Wireless bluetooth S6-6 a soli 7,05 euro Vai alla Fonte

Telegram si aggiorna alla versione 4.4, tante le novità

Telegram si aggiorna alla versione 4.4, tante le novità Telegram, eterna rivale e concorrente della più diffusa applicazione di proprietà Facebook Whatsapp, ha sempre mal digerito il proprio ruolo di “eterno secondo”. Proprio per cercare di smuovere le acque e balzare finalmente in testa di serie nelle vendite, è stata rilasciata poche ore fa la nuova versione 4.4. Condivisione in tempo reale della propria posizione Telegram tende al “social”: è stata infatti rilasciata una nuova feature che permette di condividere la propria posizione in tempo reale tramite GPS non solo nelle chat individuali ma anche in quelle di gruppo; è inoltre possibile scegliere il tempo per il quale si desidera condividere la propria localizzazione (15 minuti, un’ora o otto ore). Per poter utilizzare questa nuova funzionalità è sufficiente premere su “Condividi la mia posizione per…”. Quindi, si procederà a condividere tramite GPS non solo la propria posizione statica, bensì verranno comunicati e trasmessi in tempo reale tutti gli spostamenti che compiremo. É quindi utile per comunicare ai propri amici e ad altre persone dove ci troviamo in tempo reale senza dover necessariamente ricorrere ad applicazioni esterne o chiamate vocali confusionarie. Miglioramenti del sistema multimediale Il sistema in sé si presenta più curato e più funzionale: per esempio, per i file audio è possibile ora visualizzare alcune informazioni come artista, genere, album… Sono inoltre state effettuate migliorie al sistema di riproduzione multimediale: quindi migliore qualità di musica, video eccetera. Per testare questi miglioramenti Telegram ha aperto un canale di musica libera da copyrights, @cctracks. Ampliamento lingue e traduzioni Telegram punta a farsi conoscere e farsi capire in ogni angolo del globo: sono infatti state aggiunte molte nuove lingue supportate dal sistema e le traduzioni sono in costante miglioramento. Per chi volesse aiutare, esiste un sito dove fornire il proprio contributo con migliorie inerenti le traduzioni: https://translations.telegram.org/. Inoltre, gli aggiornamenti delle traduzioni non necessiteranno ogni volta dell’aggiornamento app manuale su Google Play e App Store: infatti questi si scaricheranno autonomamente non appena disponibili per il nostro smartphone. Tra i minor update sono presenti nuove funzionalità per gli amministratori di gruppi numerosi e supergruppi: gli admin potranno essere riconosciuti da uno speciale contrassegno che comparirà di fianco al proprio nome utente nelle chat, oppure potranno decidere se un determinato utente possa o no visualizzare alcune informazioni della chat, quale può essere la cronologia di quest’ultima. Telegram 4.4 è disponibile da poche ore al download sia per Android che per iOS, rispettivamente su Google Play e App Store. Telegram si aggiorna alla versione 4.4, tante le novità Tecnoandroid

Telegram si aggiorna alla versione 4.4, tante le novità Telegram, eterna rivale e concorrente della più diffusa applicazione di proprietà Facebook Whatsapp, ha sempre mal digerito il proprio ruolo di “eterno secondo”. Proprio per cercare di smuovere le acque e balzare finalmente in testa di serie nelle vendite, è stata rilasciata poche ore fa la nuova versione 4.4. Condivisione in tempo reale della propria posizione Telegram tende al “social”: è stata infatti rilasciata una nuova feature che permette di condividere la propria posizione in tempo reale tramite GPS non solo nelle chat individuali ma anche in quelle di gruppo; è inoltre possibile scegliere il tempo per il quale si desidera condividere la propria localizzazione (15 minuti, un’ora o otto ore). Per poter utilizzare questa nuova funzionalità è sufficiente premere su “Condividi la mia posizione per…”. Quindi, si procederà a condividere tramite GPS non solo la propria posizione statica, bensì verranno comunicati e trasmessi in tempo reale tutti gli spostamenti che compiremo. É quindi utile per comunicare ai propri amici e ad altre persone dove ci troviamo in tempo reale senza dover necessariamente ricorrere ad applicazioni esterne o chiamate vocali confusionarie. Miglioramenti del sistema multimediale Il sistema in sé si presenta più curato e più funzionale: per esempio, per i file audio è possibile ora visualizzare alcune informazioni come artista, genere, album… Sono inoltre state effettuate migliorie al sistema di riproduzione multimediale: quindi migliore qualità di musica, video eccetera. Per testare questi miglioramenti Telegram ha aperto un canale di musica libera da copyrights, @cctracks. Ampliamento lingue e traduzioni Telegram punta a farsi conoscere e farsi capire in ogni angolo del globo: sono infatti state aggiunte molte nuove lingue supportate dal sistema e le traduzioni sono in costante miglioramento. Per chi volesse aiutare, esiste un sito dove fornire il proprio contributo con migliorie inerenti le traduzioni: https://translations.telegram.org/. Inoltre, gli aggiornamenti delle traduzioni non necessiteranno ogni volta dell’aggiornamento app manuale su Google Play e App Store: infatti questi si scaricheranno autonomamente non appena disponibili per il nostro smartphone. Tra i minor update sono presenti nuove funzionalità per gli amministratori di gruppi numerosi e supergruppi: gli admin potranno essere riconosciuti da uno speciale contrassegno che comparirà di fianco al proprio nome utente nelle chat, oppure potranno decidere se un determinato utente possa o no visualizzare alcune informazioni della chat, quale può essere la cronologia di quest’ultima. Telegram 4.4 è disponibile da poche ore al download sia per Android che per iOS, rispettivamente su Google Play e App Store. Telegram si aggiorna alla versione 4.4, tante le novità Vai alla Fonte

TIM o Wind: ecco chi conviene di piu’ al momento

TIM o Wind: ecco chi conviene di piu’ al momento Offerte a confronto Di certo uno dei nodi più duri da sciogliere oggigiorno, è quello in merito a quale gestore utilizzare per il proprio smartphone. Tutti gli utenti provvisti di un telefono di ultima generazione infatti, sono alla perenne ricerca di quella che possa essere per loro la migliore soluzione. Ovviamente si cercano minuti in abbondanza per non restare mai senza la possibilità di effettuare chiamate, e soprattutto un buon quantitativo di Giga per la navigazione in internet. Ad essere maestri nel settore sono di sicuro TIM e Wind, noti provider telefonici che da anni dettano legge in Italia insieme a pochi altri. TIM o Wind? Ecco al momento quale dei due conviene di più Avete dubbi su quale dei due gestori utilizzare per il vostro prossimo abbonamento o ricaricabile? Ecco il punto della situazione sulla migliori offerte: TIM al momento ha nella scuderia delle migliori offerte, le seguenti promo: Tim Ten Go +10 Giga Gratis: minuti illimitati verso fissi e mobili, e 20 GB di Internet 4G a soli 10€ ogni 28 giorni. Super One +30 Giga Gratis: minuti illimitati verso fissi e mobili, e 32 GB di Internet in 4G a 15€ ogni 28 giorni. Star Go +2 Giga Gratis: minuti illimitati verso fissi e mobili, e 8 Giga di Internet 4G a 10€ ogni 28 giorni per 1 anno. Dopo invece ecco 1000 minuti verso tutti e 5 GB di Internet 4G a 10€ ogni 4 settimane. Young&Music Limited Edition: offerta solo per gli under 30 con 500 minuti, 5GB di Internet 4G per navigare e 5GB riservati alla musica a soli 9,99€ ogni 28 giorni. Wind invece controbatte con l’artiglieria pesante: Wind Smart 5 Gold: 1000 Minuti verso tutti i fissi e i mobili, e 10 GB di traffico internet sotto le reti 2G/3G/4G ad un prezzo di soli 5€. Smart 7 Star: ben 1000 Minuti verso tutti i fissi e i mobili, e 15 GB di traffico internet sotto le reti 2G/3G/4G ad un prezzo di soli 7€ Smart 7 Platinum: 1000 Minuti verso tutti i fissi e i mobili, e 30GB di traffico internet sotto rete veloce in 4G al prezzo di soli 7€. La nuova Smart 5 Super: 1000 Minuti verso tutti i fissi e i mobili, e 20GB di traffico internet in 4G a soli 5€. In conclusione Il responso finale in termini di qualità-prezzo parla molto chiaro: al momento Wind vince a mani basse. C’è però da considerare anche la ricezione, campo in cui TIM è nettamente superiore vista la maggiore estensione territoriale delle infrastrutture. Un consiglio al momento possiamo darvelo: se entrambi i gestori hanno buona ricezione nella vostra zona, scegliete Wind. TIM o Wind: ecco chi conviene di piu’ al momento Tecnoandroid

TIM o Wind: ecco chi conviene di piu’ al momento Offerte a confronto Di certo uno dei nodi più duri da sciogliere oggigiorno, è quello in merito a quale gestore utilizzare per il proprio smartphone. Tutti gli utenti provvisti di un telefono di ultima generazione infatti, sono alla perenne ricerca di quella che possa essere per loro la migliore soluzione. Ovviamente si cercano minuti in abbondanza per non restare mai senza la possibilità di effettuare chiamate, e soprattutto un buon quantitativo di Giga per la navigazione in internet. Ad essere maestri nel settore sono di sicuro TIM e Wind, noti provider telefonici che da anni dettano legge in Italia insieme a pochi altri. TIM o Wind? Ecco al momento quale dei due conviene di più Avete dubbi su quale dei due gestori utilizzare per il vostro prossimo abbonamento o ricaricabile? Ecco il punto della situazione sulla migliori offerte: TIM al momento ha nella scuderia delle migliori offerte, le seguenti promo: Tim Ten Go +10 Giga Gratis: minuti illimitati verso fissi e mobili, e 20 GB di Internet 4G a soli 10€ ogni 28 giorni. Super One +30 Giga Gratis: minuti illimitati verso fissi e mobili, e 32 GB di Internet in 4G a 15€ ogni 28 giorni. Star Go +2 Giga Gratis: minuti illimitati verso fissi e mobili, e 8 Giga di Internet 4G a 10€ ogni 28 giorni per 1 anno. Dopo invece ecco 1000 minuti verso tutti e 5 GB di Internet 4G a 10€ ogni 4 settimane. Young&Music Limited Edition: offerta solo per gli under 30 con 500 minuti, 5GB di Internet 4G per navigare e 5GB riservati alla musica a soli 9,99€ ogni 28 giorni. Wind invece controbatte con l’artiglieria pesante: Wind Smart 5 Gold: 1000 Minuti verso tutti i fissi e i mobili, e 10 GB di traffico internet sotto le reti 2G/3G/4G ad un prezzo di soli 5€. Smart 7 Star: ben 1000 Minuti verso tutti i fissi e i mobili, e 15 GB di traffico internet sotto le reti 2G/3G/4G ad un prezzo di soli 7€ Smart 7 Platinum: 1000 Minuti verso tutti i fissi e i mobili, e 30GB di traffico internet sotto rete veloce in 4G al prezzo di soli 7€. La nuova Smart 5 Super: 1000 Minuti verso tutti i fissi e i mobili, e 20GB di traffico internet in 4G a soli 5€. In conclusione Il responso finale in termini di qualità-prezzo parla molto chiaro: al momento Wind vince a mani basse. C’è però da considerare anche la ricezione, campo in cui TIM è nettamente superiore vista la maggiore estensione territoriale delle infrastrutture. Un consiglio al momento possiamo darvelo: se entrambi i gestori hanno buona ricezione nella vostra zona, scegliete Wind. TIM o Wind: ecco chi conviene di piu’ al momento Vai alla Fonte

Wind disservizio fibra, le ultime novità sulle questioni che hanno causato il problema

Wind disservizio fibra, le ultime novità sulle questioni che hanno causato il problema Su internet piovono le segnalazioni degli utenti scontenti, che ancora oggi commentano la situazione con rabbia e frustrazione. Il problema è infatti ancora in via di risoluzione. A colpire oltre al down della rete, è stata la mancanza da parte di Wind di comunicazioni ufficiali fino al 3 ottobre. Solo allora ha commentato che i tecnici si trovavano al lavoro per risolvere il problema, ma senza fornire né spiegazioni sul perché del disagio o un’ipotetica data di ripristino del servizio. Inutili i tentativi di contattare l’operatore telefonico che si rifiuta di rilasciare dichiarazioni ufficiali a riguardo. Insomma, Wind Tre ha lasciato nella confusione i suoi utenti per lungo tempo. Questo comportamento unito al grave disservizio che sembra coinvolgere diversi utenti in tutta Italia lascia perplessi, dal momento che il problema è durato più di una settimana e ancora oggi i tecnici sono al lavoro per risolverlo. Sembra un problema ben più grave dei soliti intoppi in cui possono incorrere gli operatori di telefonia, dato che da più di una settimana è iniziata questa epopea. Al di là delle dichiarazioni ufficiali, riunendo le poche informazioni che si è riusciti a reperire è possibile concludere che sia stato il modem utilizzato la fonte di tutto. Il modem Nokia/Alcatel G-240W-B è principalmente utilizzato dagli utenti fibra, e sembra che proprio da questi vengano le principali segnalazioni di questi giorni. Le classiche luci rosse che annunciano la mancata connessione sono diventate perenni e gli utenti non riescono a ridargli vita in nessun modo. Anche alcune reti ADSL sembrano aver avuto dei problemi con la connessione, ma questi sono già stati risolti. Il fatto che gli utenti ADSL, che utilizzano un modem diverso per la loro rete, abbiano già risolto il problema fa aumentare i sospetti verso il modem Nokia/Alcatel come causa principale del problema. La mancanza di conferme ufficiali ha reso difficile prendere posizione sulla questione, fino a qualche giorno fa quando sono stati presi i primi provvedimenti. Cosa ha provocato il problema? Le ipotesi più accreditate, basandosi sulle testimonianze dei clienti, sono due. I problemi al modem potrebbero essere stati causati da un aggiornamento del firmware molto problematico, che ha causato il brick del modem (e quindi impossibilitando l’utilizzo del device). Un’altra ipotesi più fantasiosa, prevede che i modem siano stati affetti da un malware BrickerBot. I malware BrickerBot sono malware “positivi” per il modem, installati di proposito sul modem per individuare i dispositivi vulnerabili e potenzialmente sensibili ad un attacco DDoS. Come detto è un’ipotesi un po’ fantasiosa, ma BrickerBot era già noto nel mondo modem poiché ad aprile diversi dispositivi della compagnia Sierra Tel si sono stati colpiti e disattivati da questo tipo di malware. Ricordiamo che commenti ufficiali mancano, pertanto queste ipotesi rimangono tali, frutto di speculazione. Wind non ha rilasciato dichiarazioni, mentre qualche assistente al telefono garantisce che il disservizio sarà risolto entro il 5 ottobre. Non sappiamo quale delle due ipotesi possa essere vera, o se ne esista una terza, fatto sta che il 5 ottobre Wind comunica la sostituzione dei modem a tutti gli utenti che presentano problemi nella linea. Questo conferma che il problema di tutto risieda nei modem Nokia/Alcatel, ma non ci dice di fatto quale sia. Che sia un malware benefico o un aggiornamento firmware andato male non ci è ancora dato saperlo. In ogni caso gli utenti saranno contenti di sapere che si preannuncia una soluzione ai loro problemi. Wind sta quindi inviando SMS a tutti gli utenti comunicando che, a causa di un generico “guasto tecnico” i modem verranno sostituiti in data da destinarsi. Gli SMS non sono ancora giunti a tutti i clienti, quindi impossibile fare un pronostico sulla data che segnerà la fine di questo disservizio epico. Nel frattempo continuano a piovere lamentele da parte degli utenti, che segnalano come i servizi di posta siano intasati dalle spedizioni Wind e le consegne subiscano ritardi colossali. Il 5 ottobre comunica ufficialmente che migliaia sono i clienti colpiti, e pertanto Wind si incarica di risolvere il problema sostituendo gli apparati, applicando gli indennizzi e proponendo a breve iniziative interessanti per i clienti Wind. In conclusione non è stata una bella settimana per Wind. Anche se l’epopea della rete si sta apprestando a finire, i problemi sono ben lungi dal terminare per la compagnia telefonica. Migliaia infatti i clienti colpiti e per niente soddisfatti di come sia stata gestita la crisi. Wind si dovrà quindi ingegnare su come riconquistare la fiducia della clientela, messa in crisi dai modem Nokia/Alcatel. Sarà una sfida impegnativa, buona fortuna! Wind disservizio fibra, le ultime novità sulle questioni che hanno causato il problema Tecnoandroid

Wind disservizio fibra, le ultime novità sulle questioni che hanno causato il problema Su internet piovono le segnalazioni degli utenti scontenti, che ancora oggi commentano la situazione con rabbia e frustrazione. Il problema è infatti ancora in via di risoluzione. A colpire oltre al down della rete, è stata la mancanza da parte di Wind di comunicazioni ufficiali fino al 3 ottobre. Solo allora ha commentato che i tecnici si trovavano al lavoro per risolvere il problema, ma senza fornire né spiegazioni sul perché del disagio o un’ipotetica data di ripristino del servizio. Inutili i tentativi di contattare l’operatore telefonico che si rifiuta di rilasciare dichiarazioni ufficiali a riguardo. Insomma, Wind Tre ha lasciato nella confusione i suoi utenti per lungo tempo. Questo comportamento unito al grave disservizio che sembra coinvolgere diversi utenti in tutta Italia lascia perplessi, dal momento che il problema è durato più di una settimana e ancora oggi i tecnici sono al lavoro per risolverlo. Sembra un problema ben più grave dei soliti intoppi in cui possono incorrere gli operatori di telefonia, dato che da più di una settimana è iniziata questa epopea. Al di là delle dichiarazioni ufficiali, riunendo le poche informazioni che si è riusciti a reperire è possibile concludere che sia stato il modem utilizzato la fonte di tutto. Il modem Nokia/Alcatel G-240W-B è principalmente utilizzato dagli utenti fibra, e sembra che proprio da questi vengano le principali segnalazioni di questi giorni. Le classiche luci rosse che annunciano la mancata connessione sono diventate perenni e gli utenti non riescono a ridargli vita in nessun modo. Anche alcune reti ADSL sembrano aver avuto dei problemi con la connessione, ma questi sono già stati risolti. Il fatto che gli utenti ADSL, che utilizzano un modem diverso per la loro rete, abbiano già risolto il problema fa aumentare i sospetti verso il modem Nokia/Alcatel come causa principale del problema. La mancanza di conferme ufficiali ha reso difficile prendere posizione sulla questione, fino a qualche giorno fa quando sono stati presi i primi provvedimenti. Cosa ha provocato il problema? Le ipotesi più accreditate, basandosi sulle testimonianze dei clienti, sono due. I problemi al modem potrebbero essere stati causati da un aggiornamento del firmware molto problematico, che ha causato il brick del modem (e quindi impossibilitando l’utilizzo del device). Un’altra ipotesi più fantasiosa, prevede che i modem siano stati affetti da un malware BrickerBot. I malware BrickerBot sono malware “positivi” per il modem, installati di proposito sul modem per individuare i dispositivi vulnerabili e potenzialmente sensibili ad un attacco DDoS. Come detto è un’ipotesi un po’ fantasiosa, ma BrickerBot era già noto nel mondo modem poiché ad aprile diversi dispositivi della compagnia Sierra Tel si sono stati colpiti e disattivati da questo tipo di malware. Ricordiamo che commenti ufficiali mancano, pertanto queste ipotesi rimangono tali, frutto di speculazione. Wind non ha rilasciato dichiarazioni, mentre qualche assistente al telefono garantisce che il disservizio sarà risolto entro il 5 ottobre. Non sappiamo quale delle due ipotesi possa essere vera, o se ne esista una terza, fatto sta che il 5 ottobre Wind comunica la sostituzione dei modem a tutti gli utenti che presentano problemi nella linea. Questo conferma che il problema di tutto risieda nei modem Nokia/Alcatel, ma non ci dice di fatto quale sia. Che sia un malware benefico o un aggiornamento firmware andato male non ci è ancora dato saperlo. In ogni caso gli utenti saranno contenti di sapere che si preannuncia una soluzione ai loro problemi. Wind sta quindi inviando SMS a tutti gli utenti comunicando che, a causa di un generico “guasto tecnico” i modem verranno sostituiti in data da destinarsi. Gli SMS non sono ancora giunti a tutti i clienti, quindi impossibile fare un pronostico sulla data che segnerà la fine di questo disservizio epico. Nel frattempo continuano a piovere lamentele da parte degli utenti, che segnalano come i servizi di posta siano intasati dalle spedizioni Wind e le consegne subiscano ritardi colossali. Il 5 ottobre comunica ufficialmente che migliaia sono i clienti colpiti, e pertanto Wind si incarica di risolvere il problema sostituendo gli apparati, applicando gli indennizzi e proponendo a breve iniziative interessanti per i clienti Wind. In conclusione non è stata una bella settimana per Wind. Anche se l’epopea della rete si sta apprestando a finire, i problemi sono ben lungi dal terminare per la compagnia telefonica. Migliaia infatti i clienti colpiti e per niente soddisfatti di come sia stata gestita la crisi. Wind si dovrà quindi ingegnare su come riconquistare la fiducia della clientela, messa in crisi dai modem Nokia/Alcatel. Sarà una sfida impegnativa, buona fortuna! Wind disservizio fibra, le ultime novità sulle questioni che hanno causato il problema Vai alla Fonte

Jailbreak disponibile per iOS 10.2.1: dispositivi compatibili e come sbloccare iPhone, iPad e iPod Touch

Jailbreak disponibile per iOS 10.2.1: dispositivi compatibili e come sbloccare iPhone, iPad e iPod Touch Jailbreak su iPhone 7 Buone notizie per coloro che non hanno aggiornato ad iOS 11 con la speranza che venisse rilasciata la procedura di sblocco per iPhone, iPad e iPod Touch. Lo sviluppatore Abraham Masri ha rilasciato il Saigon Jailbreak compatibile con iOS 10.2.1 e i dispositivi a 64 bit. Nello specifico, sono supportati i seguenti dispositivi: iPhone 5s, iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 6s, iPhone 6s Plus, iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone SE, iPad mini 2, mini 3, mini 4, iPad Air, iPad Air 2 iPad Pro e iPod Touch 6G. Esclusi i nuovissimi iPhone 8 e la seconda generazione di iPad Pro. LEGGI ANCHE: iOS 11 contro Android Oreo, il confronto è impietoso Allo stato attuale la procedura per il Jailbreak non è del tutto automatica e richiede la compilazione del file Saigon.ipa, scaricabile a questo indirizzo, direttamente con Xcode. Una volta compilato il file basterà caricarlo su Cydia Impactor, un programma scaricabile gratuitamente in più versioni a questo indirizzo. Per farlo basterà trascinare il file .IPA all’interno della finestra apertasi e inserire le informazioni richieste: indirizzo email e password dell’ID Apple connesso al dispositivo sul quale si intede eseguire lo sblocco. Entrambe le informazioni verranno inviate esclusivamente ai server Apple che, una volta confermata, consentiranno al tool di iniziare le prime operazioni per il jailbreak. Completata la procedura sarà necessario accedere alle impostazioni generali di iOS, scegliere la voce Profili o Gestione profili e dispositivo, ed autorizzare il nuovo profilo visualizzato. A questo punto si potrà tornare sulla Home ed avviare l’applicazione Saigon confermando il Jailbreak. La procedura potrebbe richiedere il riavvio del dispositivo. Abraham Masri ha fatto sapere che già nei prossimi giorni rilascerà file già compilato, così che anche i meno smanettoni possano procedere con la procedura di sblocco del proprio iPhone, iPad o iPod Touch. Jailbreak disponibile per iOS 10.2.1: dispositivi compatibili e come sbloccare iPhone, iPad e iPod Touch Tecnoandroid

Jailbreak disponibile per iOS 10.2.1: dispositivi compatibili e come sbloccare iPhone, iPad e iPod Touch Jailbreak su iPhone 7 Buone notizie per coloro che non hanno aggiornato ad iOS 11 con la speranza che venisse rilasciata la procedura di sblocco per iPhone, iPad e iPod Touch. Lo sviluppatore Abraham Masri ha rilasciato il Saigon Jailbreak compatibile con iOS 10.2.1 e i dispositivi a 64 bit. Nello specifico, sono supportati i seguenti dispositivi: iPhone 5s, iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 6s, iPhone 6s Plus, iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone SE, iPad mini 2, mini 3, mini 4, iPad Air, iPad Air 2 iPad Pro e iPod Touch 6G. Esclusi i nuovissimi iPhone 8 e la seconda generazione di iPad Pro. LEGGI ANCHE: iOS 11 contro Android Oreo, il confronto è impietoso Allo stato attuale la procedura per il Jailbreak non è del tutto automatica e richiede la compilazione del file Saigon.ipa, scaricabile a questo indirizzo, direttamente con Xcode. Una volta compilato il file basterà caricarlo su Cydia Impactor, un programma scaricabile gratuitamente in più versioni a questo indirizzo. Per farlo basterà trascinare il file .IPA all’interno della finestra apertasi e inserire le informazioni richieste: indirizzo email e password dell’ID Apple connesso al dispositivo sul quale si intede eseguire lo sblocco. Entrambe le informazioni verranno inviate esclusivamente ai server Apple che, una volta confermata, consentiranno al tool di iniziare le prime operazioni per il jailbreak. Completata la procedura sarà necessario accedere alle impostazioni generali di iOS, scegliere la voce Profili o Gestione profili e dispositivo, ed autorizzare il nuovo profilo visualizzato. A questo punto si potrà tornare sulla Home ed avviare l’applicazione Saigon confermando il Jailbreak. La procedura potrebbe richiedere il riavvio del dispositivo. Abraham Masri ha fatto sapere che già nei prossimi giorni rilascerà file già compilato, così che anche i meno smanettoni possano procedere con la procedura di sblocco del proprio iPhone, iPad o iPod Touch. Jailbreak disponibile per iOS 10.2.1: dispositivi compatibili e come sbloccare iPhone, iPad e iPod Touch Vai alla Fonte

Telegram si aggiorna alla versione 4.4: posizione live e tutte le altre novità

Telegram si aggiorna alla versione 4.4: posizione live e tutte le altre novità Telegram 4.4 Telegram, l’applicazione di messaggistica instantanea che ogni giorno sfida WhatsApp, si è aggiornata alla versione 4.4 sia nella versione per gli smartphone Android che in quella per iOS. Le novità introdotte sono diverse e riguardano per la maggior parte l’introduzione di miglioramenti nell’utilizzo dell’applicazione grazie a nuove funzionalità. Per essere più precisi abbiamo deciso di riportarvi il changelog ufficiale rilasciato dalla software house, in lingua italiana. La più interessante, ve lo anticipiamo, è la possibilità di condividere la propria posizione in tempo reale in qualsiasi chat, gruppi compresi. Farlo è semplicissimo perché basterà scegliere di inviare un allegato e a quel punto selezionare posizione, condividi posizione in diretta. In questo modo gli utenti con i quali avrete condiviso la posizione visualizzeranno tutti i vostri spostamenti all’interno di una mappa integrata a Telegram. La posizione in diretta potrà essere condivisa per un periodo di tempo ben preciso: 15 minuti, 1 ora e 8 ore. LEGGI ANCHE: Whatsapp, i miti da sfatare e perché Telegram si sta affermando maggiormente TELEGRAM 4.4, COSA CAMBIA? Introdotte le nuove Posizioni in diretta che consentono di condividere la propria posizione in tempo reale con amici e parenti; Introdotta la possibilità di controllare quando i nuovi membri dei supergruppi possono vedere la cronologia dei messaggi precedente; Introdotto il nuovo badge amministratore per riconoscere facilmente i messaggi degli amministratori dei gruppi; Introdotte nuove lingue: Francese, Malese, Indonesiano, Russo e Ucraino. Tante altre sono in arrivo; Nuovo player ridisegnato per una migliore esperienza d’ascolto dei file audio; Aperta la piattaforma translations.telegram.org dove inviare e suggerire le migliori traduzioni dell’applicazione; TELEGRAM 4.4, COME SCARICARLO SU ANDROID E IOS Telegram è un’applicazione completamente gratuita e può essere scaricata da questa pagina del Google Play Store per gli utenti che possiedono un dispositivo Android. Allo stesso modo, gli utenti Apple potranno scaricarla da questa pagina dell’App Store. Telegram si aggiorna alla versione 4.4: posizione live e tutte le altre novità Tecnoandroid

Telegram si aggiorna alla versione 4.4: posizione live e tutte le altre novità Telegram 4.4 Telegram, l’applicazione di messaggistica instantanea che ogni giorno sfida WhatsApp, si è aggiornata alla versione 4.4 sia nella versione per gli smartphone Android che in quella per iOS. Le novità introdotte sono diverse e riguardano per la maggior parte l’introduzione di miglioramenti nell’utilizzo dell’applicazione grazie a nuove funzionalità. Per essere più precisi abbiamo deciso di riportarvi il changelog ufficiale rilasciato dalla software house, in lingua italiana. La più interessante, ve lo anticipiamo, è la possibilità di condividere la propria posizione in tempo reale in qualsiasi chat, gruppi compresi. Farlo è semplicissimo perché basterà scegliere di inviare un allegato e a quel punto selezionare posizione, condividi posizione in diretta. In questo modo gli utenti con i quali avrete condiviso la posizione visualizzeranno tutti i vostri spostamenti all’interno di una mappa integrata a Telegram. La posizione in diretta potrà essere condivisa per un periodo di tempo ben preciso: 15 minuti, 1 ora e 8 ore. LEGGI ANCHE: Whatsapp, i miti da sfatare e perché Telegram si sta affermando maggiormente TELEGRAM 4.4, COSA CAMBIA? Introdotte le nuove Posizioni in diretta che consentono di condividere la propria posizione in tempo reale con amici e parenti; Introdotta la possibilità di controllare quando i nuovi membri dei supergruppi possono vedere la cronologia dei messaggi precedente; Introdotto il nuovo badge amministratore per riconoscere facilmente i messaggi degli amministratori dei gruppi; Introdotte nuove lingue: Francese, Malese, Indonesiano, Russo e Ucraino. Tante altre sono in arrivo; Nuovo player ridisegnato per una migliore esperienza d’ascolto dei file audio; Aperta la piattaforma translations.telegram.org dove inviare e suggerire le migliori traduzioni dell’applicazione; TELEGRAM 4.4, COME SCARICARLO SU ANDROID E IOS Telegram è un’applicazione completamente gratuita e può essere scaricata da questa pagina del Google Play Store per gli utenti che possiedono un dispositivo Android. Allo stesso modo, gli utenti Apple potranno scaricarla da questa pagina dell’App Store. Telegram si aggiorna alla versione 4.4: posizione live e tutte le altre novità Vai alla Fonte

WhatsApp e Viber, la vostra privacy è a rischio e non potete farci niente: l’allarme lanciato da due italiani

WhatsApp e Viber, la vostra privacy è a rischio e non potete farci niente: l’allarme lanciato da due italiani WhatsApp WhatsApp, l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo, e Viber, l’applicazione per chiamare e inviare messaggi sempre tramite internet, mettono a rischio la privacy di milioni di utilizzatori. A rivelarlo è una vulnerabilità scoperta da due ricercatori indipendenti italiani, Federico Ziberna e Claudio Cavalera, che hanno scoperto e descritto la possibilità di utilizzare le immagini del profilo degli utenti per attaccarli. Ziberna ha sviluppato un sistema che gli ha consentito di scaricare liberamente una quantità illimitata di immagini del profilo collegati ad altrettanti account di utenti dei famosi sistemi di Instant Messaging. Utilizzando come chiave di ricerca l’immagine del profilo dell’utente, ed altri dati estrapolabili automaticamente dall’immagine con algoritmi di riconoscimento facciale, quali etnia, età, sesso e molti altri ancora, è stato possibile confrontarla con altre immagini reperibili liberamente in rete o su altri account. Una procedura che consente, dunque, di collegare potenzialmente il numero di telefono di uno sconosciuto qualunque ad una persona reale, grazie alla sua immagine del profilo. Fra i diversi tipi di hack c’è quello denominato da Ziberna voodoo doll exploit e che permette all’attaccante di fare una foto qualunque ad una persona e, attraverso un tool, di verificare se la foto è paragonabile ad una di quelle in possesso e quindi risalire al numero telefonico solo grazie ad una fotografia. Una situazione assurda visto che non c’è modo di mettersi al sicuro se non quello di non impostare un’immagine per il proprio account. Ecco quanto dichiarato dai due ricercatori: “immaginate questo scenario: possediamo uno schedario di milioni di foto. Di queste la gran parte presentano il volto di una persona. Avete presente i vecchi film in cui la polizia cerca il criminale paragonando la sua foto a quelle contenute nel loro schedario? Ecco, solo che nowiseeyou ha il vantaggio che su ogni foto del suo schedario c’è appiccicato il numero di telefono del criminale”. WhatsApp e Viber, la vostra privacy è a rischio e non potete farci niente: l’allarme lanciato da due italiani Tecnoandroid

WhatsApp e Viber, la vostra privacy è a rischio e non potete farci niente: l’allarme lanciato da due italiani WhatsApp WhatsApp, l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo, e Viber, l’applicazione per chiamare e inviare messaggi sempre tramite internet, mettono a rischio la privacy di milioni di utilizzatori. A rivelarlo è una vulnerabilità scoperta da due ricercatori indipendenti italiani, Federico Ziberna e Claudio Cavalera, che hanno scoperto e descritto la possibilità di utilizzare le immagini del profilo degli utenti per attaccarli. Ziberna ha sviluppato un sistema che gli ha consentito di scaricare liberamente una quantità illimitata di immagini del profilo collegati ad altrettanti account di utenti dei famosi sistemi di Instant Messaging. Utilizzando come chiave di ricerca l’immagine del profilo dell’utente, ed altri dati estrapolabili automaticamente dall’immagine con algoritmi di riconoscimento facciale, quali etnia, età, sesso e molti altri ancora, è stato possibile confrontarla con altre immagini reperibili liberamente in rete o su altri account. Una procedura che consente, dunque, di collegare potenzialmente il numero di telefono di uno sconosciuto qualunque ad una persona reale, grazie alla sua immagine del profilo. Fra i diversi tipi di hack c’è quello denominato da Ziberna voodoo doll exploit e che permette all’attaccante di fare una foto qualunque ad una persona e, attraverso un tool, di verificare se la foto è paragonabile ad una di quelle in possesso e quindi risalire al numero telefonico solo grazie ad una fotografia. Una situazione assurda visto che non c’è modo di mettersi al sicuro se non quello di non impostare un’immagine per il proprio account. Ecco quanto dichiarato dai due ricercatori: “immaginate questo scenario: possediamo uno schedario di milioni di foto. Di queste la gran parte presentano il volto di una persona. Avete presente i vecchi film in cui la polizia cerca il criminale paragonando la sua foto a quelle contenute nel loro schedario? Ecco, solo che nowiseeyou ha il vantaggio che su ogni foto del suo schedario c’è appiccicato il numero di telefono del criminale”. WhatsApp e Viber, la vostra privacy è a rischio e non potete farci niente: l’allarme lanciato da due italiani Vai alla Fonte